testata cileanews

La musica e / è l'arte della memoriaGustav Klimt, Die Musik (1895

Auditorium del Conservatorio, 29 - 30 Ottobre 2010

Interventi di Loriana Ambusto, Andrea F. Calabrese, Santi Calabrò, Domenico Giannetta, Francesco Idotta, Francesco Romano, Mario G. Scappucci , Sara Zurletti

-Nella memoria tutto sembra accadere con musica. (Tennessee Williams, Lo zoo di vetro)

-Dove va la musica quando il suono smette? (Edgar Pangborn, La crociata dei bambini)

-Mi sembra che il soggetto della musica, da Machaut a Boulez, sia sempre stato in fase di costruzione. Dimostrare qualsiasi idea formale in musica è argomento costruttivista, laddove la metodologia è la metafora che controlla la composizione. I suoni potrebbero esistere in sé solo “smontando” gli elementi tradizionalmente adoperati per costruire un brano, dunque non come simboli, o memorie derivate da memorie di altre musiche. (Morton Feldman, Classic Essays in 20th century music)

 

-Era una vita di lavoro e d'offerta, scevra di costrizioni e di ambizioni, ricca di musica. E si sviluppava come se lui diventando musicista e Magister Musicae avesse scelto quest'arte come una delle vie che conducono alla meta suprema dell'uomo, alla libertà interiore, alla purezza, alla perfezione, e come se da allora non avesse fatto altro che lasciarsi compenetrare sempre più dalla musica, trasformandosi e purificandosi, dalle abili intelligenti mani di cembalista e dalla immensa memoria musicale fino a tutte le parti e gli organi del corpo e dell'anima, fino al polso e al respiro, al sonno e al sogno, e ora nient'altro fosse che un simbolo, o meglio una forma concreta, una personificazione della musica. (Hermann Hesse, Il giuoco delle perle di vetro)

-La mia mente era piena di musica – qualcosa che lei mi stava suonando - /Non potrei ricordarla per intero, ma alcune sue frasi / continuavano ad intrecciarsi fra vaghe memorie, / cercando qualcosa, tentando di dirmi qualcosa, / portandomi inquietudine: strada verso il dolore. / Cercai di suonare la melodia, traendola dalla memoria, / ma la memoria s’ingannò: accordi e dissonanze s’innalzarono / senza trovare risoluzione – solo appesi lì, / lasciandomi morbido…dove, dunque, l’ebbi a udire? … (Conrad Aiken, The house of dust)

 

Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PROGRAMMA

Venerdì 29 ottobre
Ore 9,30

Indirizzi di saluto

ANTONINO SORGONÀ Direttore del Conservatorio “Francesco Cilea”

FRANCESCO PALUMBO Presidente del Conservatorio “Francesco Cilea”


 

Ore 10,00

FRANCESCO ROMANO (Conservatorio "F. Cilea") Il Suono tra memoria e attesa. Presenza e trascendenza

SANTI CALABRÒ (Conservatorio "A. Corelli") Il tardo stile di Beethoven: metalinguaggio in musica

Dibattito


 

Ore 14,30

LORIANA AMBUSTO (Università "Mediterranea") Eternità e memoria: la rinuncia al bello nell’arte contemporanea

ANDREA F. CALABRESE (Conservatorio "F. Cilea") Gli armonici interiori e la memoria modale

Dibattito


 


Sabato 30 ottobre
Ore 10,00

DOMENICO GIANNETTA (Conservatorio "U. Giordano") Reminiscenze, Naturlauten e irruzioni: il mondo poetico di Gustav Mahler

MARIO G. SCAPPUCCI (Conservatorio "F. Cilea") “Alla memoria di un Angelo”: creatività del comporre – creatività del comprendere

Dibattito


 

Ore 14,30

SARA ZURLETTI (Università “Suor Orsola Benincasa”) Anamorfosi di un mito: le "Reminescences de Don Juan" di Franz Liszt

FRANCESCO IDOTTA (Università "D. Alighieri") Memoria e oblio

Dibattito


 

Ore 18,00

CONCERTO per 2 pianoforti a 8 mani

WOLFGANG A. MOZART, Ouverture da Le nozze di Figaro; Sinfonia n. 40 in sol min. K.550 (Allegro molto – Andante- Minuetto: Allegretto – Finale: Allegro assai)

PIOTR I. TCHAIKOVSKIJ, Romeo e Giulietta, Ouverture-Fantasia

FRANZ LISZT, Rapsodia Ungherese n. 9 Carnevale di Pest; Grand Galop Chromatique


Pianisti: Salvatore ASCRIZZI, Andrea F. CALABRESE, Vittoria CARACCIOLO, Cinzia DATO

Note di sala a cura di Claudia Bova


Comitato scientifico: ANDREA F. CALABRESE, FRANCESCO ROMANO, MARIO G. SCAPPUCCI, ANTONINO SORGONÀ


Contatti
Conservatorio “F.Cilea”- Via Aschenez prolungamento, 1 - 89123 Reggio Calabria
Tel. 0965-812223 Fax 0965-24809
http://cilea.altervista.org
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.